Il Presepe Monumentale

“Circa due settimane prima della festa della Natività, il beato Francesco, come spesso faceva, lo chiamò a sé e gli disse: “Se vuoi che celebriamo a Greccio il Natale di Gesù, precedimi e prepara quanto ti dico: vorrei rappresentare il Bambino nato a Betlemme, e in qualche modo vedere con gli occhi del corpo i disagi in cui si è trovato per la mancanza delle cose necessarie ad un neonato, come fu adagiato in una greppia e come giaceva sul fieno tra il bue e l’asinello”. Appena l’ebbe ascoltato il fedele e pio amico se ne andò sollecito ad approntare nel luogo designato tutto l’occorrente, secondo il disegno esposto dal santo. ... Arriva alla fine Francesco: vede che tutto è predisposto secondo il suo desiderio, ed è raggiante di letizia. … In quella scena commovente risplende la semplicità evangelica, si loda la povertà, si raccomanda l’umiltà. Greccio è divenuto come una nuova Betlemme. … La gente accorre e si allieta di un gaudio mai assaporato prima, davanti al nuovo mistero. … Terminata quella veglia solenne, ciascuno tornò a casa sua pieno di ineffabile gioia”. (Tommaso da Celano, “Vita prima di San Francesco d’Assisi”, capitolo XXX)

I frati del convento cavese hanno sempre curato l’allestimento del presepe, facendo memoria dell’insegnamento di san Francesco.

Nel corso dei secoli la collezione di pastori e animali si è arricchita anche di opere pregevoli, con pezzi del Settecento e dell’Ottocento, tra cui le statuine del famoso scultore cavese Alfonso Balzico.

Il presepe occupava l’intera navata sinistra, e anche il 23 novembre del 1980 l’allestimento era già in corso, quando il crollo travolse gran parte della chiesa. Molti pastori furono miracolosamente recuperati, ed è possibile ammirarli ancor oggi.

 

Il nuovo percorso presepiale di oltre 1000 metri quadrati è allestito al primo piano di un’ala del convento.

Nei vari ambienti si susseguono le scenografie del presepe settecentesco napoletano e orientale; di particolare bellezza è l’ottocentesco corteo dei Re Magi, con i musici mori e i grandi cavalli.

Il percorso conduce anche nella suggestiva riproduzione della Grotta della Natività della Basilica della Natività di Betlemme.

GUARDA LE FOTO DEL PRESEPE MONUMENTALE

Tu sei qui: Il Santuario In mostra Presepe Monumentale